Intervista a Erin Young

Dopo un corso on line sulla Sociocrazia, Marco Matera intervista Erin Young formatrice, facilitatrice e coach di sociocrazia e permacultura sociale. Erin lavora sostenendo la cultura collaborativa attraverso la progettazione di sistemi organizzativi e umani.

0
530

Di recente ho avuto la fortuna di partecipare a un corso online di Sociocrazia promosso dal The Sociocracy Consulting Group e patrocinato dal The Permaculture Collaborative Laboratory (CoLab) un Network internazionale per collaborare, uno spazio per migliorare l’efficacia delle reti di permacultura nel mondo.

Fra i partecipanti c’erano Andy Goldring, Coordinator/CEO della Permaculture Association UK, Suzie Cahn, Mario Yanez, e tanti altri attori del movimento internazionale della Permacultura e della Transizione.

I docenti erano John Schinnerer ed Erin Young. Sia John che Erin ci hanno accompagnato per sei settimane lungo il flusso dell’apprendimento della sociocrazia utilizzando il metodo dell’action learning.

Come sapete è mia abitudine intervistare le persone che mi stanno accompagnando lungo il fiume della mia transizione… e quindi ecco a voi Erin Young.

Erin è una professionista e una formatrice di Sociocrazia / Governance dinamica, la sua mentore è Robin Clayfield una delle pioniere della permacultura.

Scorrendo la sua biografia scopro che Erin ha conseguito un Bachelor of Environmental Engineering (Hons) presso la Griffith University di Brisbane (2004) e nel 2010 ha ottenuto il suo primo PDC in Portogallo.

Lei vive nulla Sunshine Coast, nel Queensland, in Australia, con il marito in una casetta nella foresta all’interno di una comunità regionale di persone che praticano la creatività e la pienezza della gioia.

Ciao Erin, piacere di conoscerti e ho imparato tanto da te e John. La prima domanda che vorrei chiederti è “chi sei?”

Sono nata e cresciuta nell’Australia sub-tropicale fra gli anni ’80 e ’90, e sono approdata nel 21° secolo con una formazione in Ingegneria Ambientale. Consapevole del fatto che la realtà aziendale non era per me, mi sono dedicata ad altro come cercare modi pro attivi oltre il mondo della conformità, soluzioni bandaid.

Le esperienze fondamentali della mia vita hanno visto anni di viaggi internazionali e volontariato – a partire da Nepal, India e Sud-est asiatico, poi in Nord America, Africa ed Europa, con periodi nelle isole del Pacifico e in Medio Oriente. La diversità delle intuizioni e osservazioni degli esseri umani nella natura in tutto il mondo fornisce una prospettiva unica e chiara dei bisogni fondamentali delle persone. Connettersi con gruppi che si impegnano nel sociale e nel cambiamento ambientale mi ha insegnato molto sulla capacità che le persone hanno quando si ha una volontà chiara.

Erin young australiaNel 2010, sono stata attratta dallo studio di un corso di Permaculture Design e allo stesso tempo ho scoperto l’arte e la scienza dell’astrologia. Attraverso questi due obiettivi ‘per comprendere le meta-narrazioni della vita’, sono rimasta affascinata dall’articolazione di modelli e archetipi principali per vivere in risonanza e abbondanza. Ho conosciuto così la Permacultura Sociale e la Sociocrazia nel 2012 come l’espressione chiave delle mie intuizioni, e da allora continuo a sperimentare, apprendere, maneggiare gli strumenti e i modelli che supportano gli esseri umani in gruppi per essere efficaci e potenti.

Una domanda al volo. Cosa rispondi quando la gente ti chiede: “che lavoro fai”?

Dipende da chi me lo chiede. Se sanno cosa sia la permacultura, dico che lavoro con le tecnologie sociali della sociocrazia e della progettazione della permacultura sociale per aiutare gli agenti del cambiamento a finalizzare la loro missione e le loro vision in modo generativo ed efficace.

Se invece la domanda è rivolta da chi non conosce la permacultura, tendo a dire che lavoro con le organizzazioni, in particolare con il processo decisionale collaborativo per aiutarle a raggiungere le loro visioni per il mondo in modo funzionale e sano.

Nel movimento della Transizione e della Permacultura si usano sovente parole affascinanti, che fanno presa, ma di cui spesso pochi conoscono il significato. Una di queste è “resilienza”. Ci vorresti dire cosa significa per voi “resilienza”? Ci daresti degli esempi concreti?

La resilienza, per me, riguarda il fatto di avere schemi e sistemi eleganti, semplici e potenti che aiutano l’uomo e l’ecologia ad adattarsi e operare con chiarezza in un’epoca di turbolenze e cambiamenti dinamici. Per spiegarmi meglio, ti faccio un esempio concreto.

Ogni mese, facilito un cerchio di donne nella mia zona regionale locale. Ci riuniamo durante la nuova luna, seguendo il pattern del ciclo lunare. Questo è come un tam tam che ci aiuta a sapere quando faremo il prossimo cerchio. Impariamo a conoscere gli archetipi dell’esperienza umana (usando il modello dello zodiaco astrologico) – e la maggior parte dei mesi, ci sono grandi momenti aha (!) In cui qualcuno realizza qualcosa su di sé che non aveva considerato in precedenza. Abbiamo un cerchio di condivisione attorno a questi temi, in cui le donne sono in grado di esprimersi e di essere testimoni nella loro espressione, senza interruzione o input. Fare questo ogni mese ci dà l’opportunità di condividere ciò che sta accadendo nelle nostre vite, connetterci con noi stessi e connetterci l’una con l’altra.

cerchio donne erin young
Visual Art di Erin Young

Il cerchio mensile utilizza schemi (come archetipi astrologici e pratiche di condivisione del cerchio) che offrono loop di feedback che ci aiutano a comprendere di più su noi stesse e sulle altre partecipanti. In questo modo, il cerchio offre un’occasione regolare (soluzioni lente e piccole) per definire le intenzioni su come vogliamo vivere le nostre vite (Applica l’autoregolazione e accetta il feedback). Tutti noi raccogliamo dalla saggezza collettiva del cerchio la condivisione che integra la diversità delle nostre esperienze di vita. Ciò supporta la salute e il benessere generale delle nostre vite, sia a livello individuale che collettivo, che è la base dell’adattamento e del funzionamento nella resilienza.

Ancora un altro parolone: Sociocrazia! Proprio ieri ero a pranzo da alcuni amici permacultori. E quando ho pronunciato questa parola, la reazione è stata: Che diavolo significa? E perché è importante conoscere la Sociocrazia in permacultura?

La Sociocrazia è una struttura per il processo decisionale collaborativo che diffonde la leadership a tutti coloro che sono coinvolti nella progettazione e nella gestione della propria organizzazione per raggiungere la propria missione in modo efficace, trasparente e uguale per i membri.

In un certo senso, la Sociocrazia è la Permacultura per le persone – integrando principi e modelli, simili a quelli che troviamo in natura, che supportano le organizzazioni a operare in un modo profondamente collaborativo (di potere con) (piuttosto che in power-over, in modo autoritario).

È importante sottolineare che la sociocrazia offre spazio a una varietà di prospettive per contribuire in modo appropriato a fare accordi collettivi nel modo di lavorare verso obiettivi condivisi.

Di recente hai insegnato in un corso online di Fondamenti di Sociocrazia. Ho avuto la possibilità di far parte della comunità di apprendimento e mi è piaciuto davvero. Puoi dirci come è andata dalla tua parte?

The Foundations of Sociocracy la formazione online per il Permaculture CoLab è stata un’esperienza meravigliosa. Il programma di formazione è stato perfezionato in modo creativo per essere efficace nel supportare una chiara comprensione dei principi fondanti la sociocrazia attraverso l’uso e la pratica dei processi fondamentali della sociocrazia. Le persone sperimentano di prima mano i piccoli passi dell’uso della sociocrazia, supportati dal coaching di professionisti esperti per un periodo di sei settimane. Questo arco di tempo permette davvero all’apprendimento di radicarsi in modo sostanziale.

E fare formazione a persone esperte di permacultura nei processi di sociocrazia è stato davvero soddisfacente. C’è già un forte livello di comprensione dell’intero design dei sistemi dalla pratica della permacultura, così i nostri partecipanti sono stati in grado di comprendere l’eleganza dei concetti della sociocrazia abbastanza facilmente, e giocare con loro più velocemente.

Uno o più brani che hai in mente in questi giorni? E perché?

History di Thievery Corporation è la mia canzone preferita del momento. Ci ricorda che siamo individui sovrani in questa famiglia di vita sulla terra. Ognuno di noi ha un ruolo da svolgere in questo sistema che è unico per noi, nonostante la disconnessione e la separazione che è così spesso promossa nei tempi moderni.

Le parole che canticchio più spesso sono:
“You got the soul. Live with it every day
You got the role, that everybody gotta play.
Break out the rows. Learn your history
You got the soul. Live with it every day”

“Hai l’anima, vivi con lei ogni giorno
Hai il ruolo, che tutti devono giocare.
Rompere le righe. Impara la tua storia
Hai l’anima. Vivi con lei ogni giorno ”

A noi piace ridere e scherzare. Molte delle nostre interviste avvengono a cena in una situazione molto gioiosa. Ma proprio quando siamo piegati in due ci scappa la domanda seria. Che speranze abbiamo per il futuro?

Il mio contributo è che noi esseri umani ci rendiamo conto che siamo ecologia, che facciamo parte di una vita più grande. Questo ci connette in tutti tutti i nostri rapporti – vegetali, animali, minerali – e ci costringe a prenderci cura della nostra famiglia e, in definitiva, di noi stessi (in senso lato).

Insieme a questo, la mia speranza è che gli esseri umani si rendano conto di quanto siamo potenti nel creare la nostra realtà – sta accadendo indipendentemente dal fatto che ci rendiamo conto. Comprendere le scelte che abbiamo fatto, comprendiamo la responsabilità di creare una realtà che sia rigenerativa, piuttosto che degenerativa.

Alcuni dei nostri lettori ci rimproverano che il termine “sostenibilità” sia obsoleto e che dobbiamo liberarcene al più presto. Piccoli passi: da dove iniziare?

La sostenibilità è stata una parte essenziale del viaggio degli esseri umani sulla responsabilità che abbiamo come esseri creatori sulla terra. Noi umani abbiamo perso il contatto con il semplice concetto di sostenere la vita, quindi concentrarsi sulla sostenibilità è stato importante. E ora dobbiamo continuare con il passo successivo della nostra comprensione e andare più in profondità in modo rigenerativo. Un semplice passaggio consiste nell’integrare il nostro percorso di apprendimento, onorare il percorso della sostenibilità, accettandone i limiti e superandoli in modi più sofisticati e sostanziali.

Sociocrazia e Permacultura. Due mondi che sembrano essere in sinergia. Che relazione c’è?

Entrambi sono sistemi di progettazione. Entrambi usano schemi radicati nei sistemi naturali per organizzare i nostri processi di comprensione e progettazione. Sia la Sociocrazia che la Permacultura comprendono l’intero sistema e operano in modo simbiotico con le sue parti componenti. Possiamo vedere tutti i principi della permacultura in gioco nella sociocrazia in qualche modo.

Permacultura SocialeUn semplice esempio è “osserva e interagisci” dalla permacultura che avviene nella sociocrazia nei cerchi di parola e, più in generale, con la possibilità di misurare e rivedere le policy che abbiamo prodotto entro un periodo di tempo chiaramente definito.

Vediamo anche il principio di permacultura “progetta dal modello al dettaglionell’impostazione circolare della struttura organizzativa, delle “soluzioni piccole e lenteattraverso i tempi definiti per le decisioni delle policy, “usa e rispondi al cambiamento con creatività” con la formazione dell’immagine e generazione di proposte, e, soprattutto, “ottieni un raccolto” attraverso il processo dell’assenso per le decisioni in modo da soddisfare gli obiettivi collettivi.

Noi di Permacultura & Transizione sogniamo che dopo ogni articolo, dopo ogni intervista pubblicata, inizi un piccolo processo di cambiamento o una piccola rivoluzione in Italia. Vuoi sognare con noi? Cosa succederà dopo la pubblicazione di questa intervista?

Le persone continueranno a realizzare di avere il potere e la responsabilità di creare la loro realtà. E ciò avverrà usando l’intelligenza della natura di una profonda collaborazione in modo che i sistemi umani e naturali possano essere simbiotici e migliorare la vita.

E cosa accadrà dopo il tuo prossimo corso?

Continuare a coltivare la comprensione tra le persone degli uomini come l’ecologia!

Per ulteriori info:
http://www.erinyoung.net/

Sociocrazia in Italia http://sociocrazia.org
Gruppo facebook sulla Sociocrazia in Italia
https://www.facebook.com/groups/1621789408088149

Ti è piaciuto questa intervista? Se vuoi contribuire inviando il tuo articolo clicca qui
Articolo precedenteConservare la bellezza
Articolo successivoAcetosella gialla, l’ecologia dei sentimenti
Marco Matera
Nel bel mezzo della sua sfavillante carriera manageriale all'estero, fatta di viaggi in business class e meeting internazionali per conto di una delle peggiori multinazionali che l'umanità abbia mai potuto produrre, Marco scopre la Permacultura, se ne innamora, lascia il suo lavoro e decide cominciare la sua transizione interiore. Nel suo nuovo viaggio incontra tante persone stupende fra le quali Aranya, che gli insegna la Permacultura e gli dà una bella certificazione, poi Dave col quale impara la Permacultura urbana in una città dedita all'alienazione e al consumismo sfrenato, poi Naresh col quale intrattiene delle lunghe conversazioni sulla Transizione e dulcis in fundo Flavio col quale ride tanto e si inventa un modo sostenibile di fare impresa. Il suo sogno è quello di diventare un insegnante di Permacultura e di trasformare il suo Paese d'origine in un paradiso tanto da riguadagnarsi l'appellativo di Bel...Paese! Che cosa gli succederà in futuro nessuno lo sa, chissà quante altre meravigliose creature incontrerà. Frattanto lasciatelo sognare e progettare. E di tanto in tanto date un'occhiata agli articoli che pubblicherà!