Suhi Dol Revisited – Il design di una di fattoria in policoltura di 5 ettari

Paul Alfrey del Balkan Ecology Project visita la fattoria di policoltura di 5 ettari che ha aiutato a progettare e trova un appezzamento pieno di biodiversità e abbondanza.

0
594
Suhi Dol - frutteto policoltura

La scorsa settimana, Dylan ed io siamo partiti per un viaggio alla scoperta della flora e della fauna del nord-est della Bulgaria. La nostra prima tappa è stata la fattoria di Catherine Zanev a Todorovo, nel nord della Bulgaria. Come quelli di voi che hanno familiarità con il nostro progetto potrebbero ricordare, questa era una fattoria che ho progettato nel 2013. Non avevo visitato il posto per un po’ di tempo ed ero molto entusiasta di vedere come il progetto sia diventato realtà.

Gli obiettivi di Catherine per il suo appezzamento erano quelli di creare una fattoria in policoltura con l’obiettivo di produrre frutta da trasformazione, di includere la produzione di ortaggi per uno programma CSA (Community Supported Agriculture) e di sperimentare con le piante per creare coloranti naturali. Il progetto è stato completato nel 2015 e l’implementazione è iniziata quell’anno.

policoltura agroforestale bilgaria
Il tereno di 5 ettari in policoltura di Suhi Dol a destra, coltivazione a monocoltura intensiva a sinistra

Il concetto del design per Suhi Dol era quello di creare un sistema agroforestale di “Cinture” che comprendesse alberi da frutta di specie miste, frutti di bosco e arbusti azoto fissatori piantati in “Righe” con piante di supporto, erbe e verdure perenni. Tra le file ci sono i “Vicoli” [ndr Alley crops]. I vicoli possono essere utilizzati per la coltivazione di fieno, cereali, verdure, erbe o allevamento di pollame come polli o tacchini. Integrati nelle cinture e attorno al perimetro ci sono vari habitat utili per migliorare la biodiversità. Il sistema progettato è un’elaborazione di Alley Cropping e si basa su modelli collaudati dei nostri sistemi di piccoli orti forestali su scala ridotta.

schema alley cropping Suhi Dol
Ecco un’illustrazione dello schema della cintura.

Questo è il design generale del sito dal 2013

design generale del sito suhi dolQui ci sono Catherine e suo marito Adjmal nel bel mezzo di una cintura seminata a grano nei vicoli, file di arbusti di aronia e ribes e alberi da frutto misti di mele, prugne, ciliegie e mele cotogne nella fila degli alberi ai lati di loro.

Progetto Agroforestale - Suhi Dol

Le piante

Il sito si sta sviluppando molto bene, gli alberi e gli arbusti stanno iniziando a produrre frutti e una varietà di vegetazione si è stabilita all’interno e attorno ai filari.

piante per la produzione di colorantiQuesta è una macchia di piante per la produzione di coloranti (non sono certo del nome della specie) che Catherine ha sperimentato in uno dei vicoli.

biodiversità suhi dol

Catherine ha anche piantato mais (Zea mays) insieme alle piante per la tintura nei filari. Qui potete vedere le strisce di Cosmos sulphureus, un annuale che produce un colorante giallo-arancio, utilizzato nell’America precolombiana e successivamente nell’Africa meridionale per tingere la lana, insieme allo Zea Mays.

Cosmos sulphureus

Il mais da foraggio sta crescendo bene.

Zea mays

Cosmos sulphureus Apis mellifera Il Cosmos sulphureus pieno di Api (Apis mellifera).[/caption]

L’Aronia (Aronia melanocarpa) e la mela cotogna giapponese (Chaenomeles speciosa) nella fila di arbusti si sono stabilizzati molto bene e stanno producendo buone quantità di frutta.

Aronia e Chaenomeles speciosa

Qui sotto potete vedere le file di alberi in policultura con in mezzo piante di supporto native locali. Catherine sta coltivando più piante di supporto per le sezioni inter fila in un vivaio nel villaggio.

piante spontanee supporto

Le specie di supporto per le inter fila includono:
Allium schoenoprasum – Erba cipollina
Allium tuberosum – Erba cipollina cinese
Echinacea purpurea – Echinacea purpurea
Foeniculum vulgare – Finocchio
Sedem telephium – Borracina maggiore
Symphytum x uplandicum – Consolida maggiore

piante perenni supporto

Qui puoi vedere una pila di rocce. Anfibi e rettili come rospi, rane, lucertole, lombrichi e serpenti potranno beneficiare di mucchi di roccia che offrono riparo. Dylan, un acuto ” ofiologo” che era con me durante la visita, ha detto che le rocce scure sarebbero preferite dai rettili quando stanno al sole perché offrono una migliore mimetizzazione ai predatori come le aquile che volano sopra.

habitat sassi rettili

Le mele stanno benissimo
mele policoltura bulgaria

Le cotogne crescono meravigliosamente
mele cotogne policultura

Irrigazione e stagni

Lo stagno centrale è stato installato nella primavera del 2017. Lo stagno era situato in un’area per massimizzare la raccolta di deflusso delle acque piovane e riempito bene quest’anno. Quest’estate l’acqua è stata pompata per irrigare gli alberi e gli arbusti con un sistema di irrigazione a goccia. Questa è una misura temporanea fino al completamento del bacino idrico superiore e del bacino idrografico. Il piano è di integrare una serie di piante acquatiche in questo stagno e utilizzarlo come supporto per l’irrigazione quando necessario.

Suhi Dol stagno

La fattoria

Catherine ha incluso una sezione in policarbonato del tetto del fienile della fattoria, il cui piano è quello di coprire i lati di questa sezione con la plastica della serra da usare come serra, un’idea eccellente. Il tetto del fienile della fattoria servirà anche come bacino di raccolta delle acque piovane e dovrebbe raccogliere ca. 121m3 = 121000 L di acqua piovana ogni anno che verranno scaricati nel serbatoio superiore ad est dell’edificio.

Fattoria Suhi dol bulgaria

Il semenzaio

Il loro orto domestico nel villaggio serve come vivaio per le piante da tintura e le piante di supporto per l’azienda agricola, nonché per la produzione di ortaggi e un centro di lavorazione.

Suhi Dol Bulgaria orto

Catherine ha usato la lana grezza (lana che viene tosata dalle pecore, prima di qualsiasi lavorazione) per pacciamare le piante da vivaio e le verdure nel giardino. Sta funzionando molto bene e forma un denso materassino che sopprime le erbacce, permeabile sia all’acqua che all’aria, e aumenta la fertilità del suolo nel tempo in quanto si decompone.

pacciamtura lana grezza

Bunias orientalis
Bunias orientalis – Cascellore orientale cresce nel vivaio.

È un vero piacere vedere che tutte le idee durante la fase di progettazione abbiamo preso vita sul terreno e assistere allo spirito pioneristico di Catherine fa fronte a tutti gli ostacoli per realizzarlo.

Continuo a collaborare con Catherine negli altri suoi siti nella regione e non vedo l’ora di tornare a Bostan Bair questa settimana, dove stiamo cercando di ampliare l’implementazione di un design di 80 ettari concepito da me e Georgi Pavlov nel 2015.

Bostan Bair Site desing - Log
Design di rigenerazione del paesaggio – Bostan Bair – Illustrazione di Georgi Pavlov

Fonte: https://www.permaculture.co.uk/articles/5-hectare-polyculture-farm-design-suhi-dol-revisited

Traduzione: Marco Matera

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi contribuire inviando il tuo articolo clicca qui