Tempo biologico: riconnettersi con la natura

Maddy Harland descrive perché spostare la nostra attenzione sul tempo biologico, invece che sul tempo umano, può riconnetterci con il mondo naturale che ci circonda e renderci psicologicamente e fisicamente più sani.

0
552
Tempo biologico lavoro che riconnette

Rivista permacultura

Quest’estate [ndr in UK] non ha piovuto per settimane e dopo una fredda e tarda primavera abbiamo fatto un salto in piena estate. È stata più calda del solito e questo ci ha portato, nel freddo nord temperato, una sensazione di vacanza, specialmente a quelli del team di PM (Permaculture Magazine) che si sono goduti la Coppa del Mondo!

Il nostro modesto sistema di raccolta dell’acqua piovana da 360 litri nella zona delle verdure (zona 1) si è quasi asciugato. Gli stagni, in particolare quello di fronte alla casa con una piccola “spiaggia di ghiaia”, sono diventati un rifugio per uccelli e insetti. Sul filo del telefono, fuori dalla finestra della mia scrivania, vedevo passeri e cardellini che si pulivano le piume dopo il bagno. Almeno una volta al giorno, i rondoni apparivano mostrando le loro impressionanti acrobazie aeree per catturare gli insetti. Li abbiamo apprezzati mentre mangiavano le mosche e le libellule. Di notte un giovane allocco si sedeva sul nocciolo opposto e strappava il richiamo nella penombra.

Mentre stavo completando un nuovo progetto, The Biotime Log, un modo di registrare il tempo biologico usando i pattern in natura, cicli e avvistamenti insoliti, la mia vita è cambiata incommensurabilmente.

Il team di PM ha deciso di modificare radicalmente la nostra vita lavorativa spostando l’ufficio in “the Cloud“, rispondendo e adattandosi in modo positivo e pro-attivo all’inevitabile cambiamento che ha colpito il mondo dell’editoria. (Streaming, digitale, download, chiusure di negozi, perdita di entrate per artisti e piccole etichette hanno influenzato per anni il mondo della musica.) Ora come il vinile ha vissuto una rinascita, tuttavia, stiamo assistendo a nuove possibilità emergenti per piccoli editori artigianali.

Il passaggio al cloud mi ha portato a lavorare da casa dopo aver trascorso 20 anni negli uffici del Sustainability Center (ancora il nostro indirizzo e negozio registrati grazie alla disponibilità del Centro e alla sua flessibilità) e il team PM continua a incontrarsi. Non è più un pendolarismo quotidiano, è più come vedere buoni amici per una festa!

Questo enorme cambiamento, tuttavia, non ha riguardato la mia routine lavorativa quotidiana. È stato più un aspetto personale e inaspettato. Quando ho lasciato la vita a casa per l’ufficio, il nostro food forest aveva solo quattro anni e non avevo scoperto tutte le possibilità di fare giardinaggio no dig.

Eppure non è solo una questione di maturità del giardino o il piacere di un giardino e di una serra che ti qualcosa per la tavola quasi tutti i giorni dell’anno. È stata la mia personale immersione profonda nel paesaggio. Avendo vissuto qui più di 30 anni, pensavo di “conoscere” il posto e di essere in sintonia con i suoi ritmi.

In qualche modo stare qui la maggior parte dei giorni e delle notti ha portato un ritmo e un’intimità sottili diversi nella mia vita con un tempo più flessibile per me, sia per il lavoro che per lo svago. Osservo e apprezzo le minuzie e le variazioni quotidiane di fenomeni come i baccelli essiccati del cresta di gallo minore (reintrodotti con successo nel nostro prato da Tim, mio marito, l’anno scorso) e la maturazione di frutti di bosco come i tayberries, il ribes nero e l’uva spina – di solito i merli mi battono sul raccolto.

Riesco a vedere le poiane che volano sulle correnti ascensionali.
Il mio interesse per il BioTempo e la registrazione di eventi chiave ha incoraggiato l’approfondimento della mia attenzione. Sono diventata più entusiasta nella pratica di imparare a identificare le piante, gli uccelli e le specie di insetti e trascorro più tempo osservando e apprezzando la colonia di api di cui mi prendo cura. Sento che i livelli di stress se ne vanno via e io sono “più veloce” in un certo senso, come se il “genus loci” fosse con me.

Psicologicamente, la biofilia (un termine coniato da Edward O. Wilson significa “amore per la vita o sistemi viventi”) ci rende felici. Gli esseri umani hanno una tendenza innata a cercare connessioni con la Natura e altre forme di vita. Questa affiliazione è terapeutica. Le relazioni con i non-umani possono essere nutrienti e di supporto. Sappiamo che è così con i cani domestici, i gatti e le altre specie con cui condividiamo le nostre vite. Stiamo iniziando a capire che le relazioni possono estendersi oltre i nostri animali domestici per l’intero “oltre il mondo umano”.

I ricercatori hanno scoperto che ci sono prove che l’immersione nella natura può ridurre l’ipertensione (pressione arteriosa in modo anomalo), il tratto respiratorio e le malattie cardiovascolari; migliora la vitalità e l’umore; a beneficio di problemi di benessere mentale come l’ansia; e ripristinare la fatica mentale e la capacità di attenzione.

Sentirsi parte della Natura ha dimostrato di essere in correlazione significativa con la soddisfazione della vita, la vitalità, la felicità, la consapevolezza. L’atto di approfondire l’osservazione quotidiana, avere un diario, il disegnare – camminare a piedi nudi, arrampicarsi, nuotare, ascoltare qualunque cosa l’aspetto vi risuona come selvatico – è un antidoto a ciò che Thomas Berry chiamava la “discontinuità radicale” tra il mondo umano e quello naturale che ci lascia senza sapere chi siamo veramente.

Iniziamo finalmente ad appartenere alla Natura!

Fonte: https://www.permaculture.co.uk/article/biological-time

Traduzione: Marco Matera

Ti è piaciuto questa intervista? Se vuoi contribuire inviando il tuo articolo clicca qui